10(+1) Consigli per Creare Landing Page che Spaccano!

Inviato da:

Landing Page

Si sa, progettare una Landing Page di per sé non è difficile, il problema arriva quando devi realizzare una Landing Page dannatamente buona, di quelle che colpiscono sempre nel segno e che converte utenti con la stessa facilità con la quale una lampada accesa attira le mosche!

Ovviamente non esiste nessuna ricetta segreta che possa aiutarti nella tua impresa, esistono comunque degli accorgimenti che è fondamentale adottare, in modo da evitare che la propria Landing Page parta fin da subito col piede sbagliato.

Partiamo dal principio: che cos’è una Landing Page

Una landing page non è altro che una “pagina di atterraggio” che, una volta raggiunta (attraverso le campagne AdWords o i risultati organici), deve avere l’obiettivo di indurre l’utente ad eseguire un’azione specifica (quale, ad esempio, la richiesta di un preventivo o l’acquisto di un prodotto).

Realizzare una Landing Page dal punto di vista tecnico non è dissimile dal realizzare un’altra qualsiasi pagina web; però dobbiamo tenere in mente che questa ha l’unico obiettivo di creare conversioni e che ogni sua parte, anche quella apparentemente più banale, è ottimizzata a tale scopo.

Landing Page Esempio

Una Landing Page ha sempre un form e/o un bottone, l’obiettivo è quello di convincere l’utente a compilarlo o a cliccarci sopra.

Quali sono gli accorgimenti principali che devi adottare quando progetti la tua Landing Page? Andiamo a vederli nel dettaglio.

1. Non dare mai messaggi contrastanti: Titolo e Annuncio della campagna devono completarsi a vicenda

Un utente ci mette meno di un secondo per decidere se continuare a leggere o abbandonare senza rimpianti la tua pagina. Cerchiamo quindi di facilitargli la scelta facendogli trovare esattamente quello che si aspetta. Se nell’annuncio abbiamo scritto “auto usate” assicuriamoci che la Landing Page non proponga di iscriversi ad una newsletter dedicata, invece, alle moto o ai camper, ad esempio.  Non deludiamo la fiducia dell’utente, diamogli esattamente quello che vuole, e lui non ci abbandonerà.

2. Scrivi titoli chiari e concisi

Non annoiare e confondere mai i tuoi utenti, cerca invece di incuriosirli tanto da voler dare uno sguardo più da vicino a quello che hai da offrire. Il titolo è la prima cosa che leggono e, se non è abbastanza d’impatto, rischi di rendere la loro visita decisamente breve.

3. Usa una grammatica impeccabile

Con una grammatica traballante quanta fiducia puoi ispirare ai tuoi utenti? Indossa vestiti autorevoli se vuoi essere credibile, a partire dalle piccole cose, quali il tuo lessico.

4. Gli Indicatori di Fiducia sono tuoi amici, usali senza remore

Per conquistare la fiducia dei tuoi utenti non risparmiarti nell’utilizzo dei cosiddetti “indicatori di fiducia”, quali recensioni, testimonial, certificati ssl, VeriSign, articoli di giornale che parlano del servizio/prodotto proposto e così via dicendo. Una volta che gli utenti avranno superato la diffidenza iniziale nei vostri confronti sarà molto più facile convincerli a premere quel bottone.

5. Utilizza una forte e concisa Call to Action

Non abbandonare i tuoi utenti, fagli capire esattamente quello che devono fare. “Scarica ora, è gratis”, “Iscriviti alla newsletter”, “Vai al carrello”, non aver paura di sperimentare formule nuove, basta davvero poco per fare la differenza!

Un esempio: quando Mozilla Firefox ha cambiato la sua Call to Action da “Try Firefox 3” a “Download Now – Free” ha ottenuto un aumento delle conversioni del 3,6%. Mica male!

6. Metti i bottoni e le Call to Action in evidenza

Metti la Call to Action appena sopra il tuo bottone oppure incorporala direttamente al suo interno. Ricorda comunque che entrambi questi elementi devono essere facilmente individuabili all’interno della Landing Page, magari con un colore che salta all’occhio.

Colori Landing Page

Usa i colori in modo intelligente, tieni sempre bene in mente cosa vuoi comunicare e, soprattutto, fai in modo che risaltino sullo sfondo della tua Landing Page.

7. Vacci piano con i link

I link distraggono, portano gli utenti a spasso per il web. Tu invece vuoi che il visitatore rimanga esattamente dove si trova e che, magari, completi il processo di conversione. Usa i link con parsimonia, anche quelli che rimandano ad altre pagine del tuo sito internet.

8. Usa immagini e video

Se ben integrati nella pagina immagini e video possono dare una spinta in più all’utente. Cerca solo di non esagerare: troppi elementi potrebbero rendere la pagina troppo pesante e, quindi, lenta da caricare. Un utente, se deve aspettare più di qualche secondo per visualizzare tutti gli elementi della Landing Page, sarà decisamente tentato di abbandonare il tuo sito e di non tornare mai più.

9. Tieni tutto “Above The Fold”

Lo spazio che i visitatori vedono senza dover scrollare la pagina è quello dove vanno posizionate le parti più importanti. Tutte le informazioni fondamentali devono essere disponibili fin dal primo istante in cui l’utente “approda” nella tua pagina.

Landing Page che convertono

Crea una Landing Page ben strutturata, dove ogni elemento ha un suo preciso scopo. Non esagerare però: gli utenti, davanti ai muri di testo, scappano a gambe levate.

 10. Non abbandonare l’utente

Una volta convertito non lasciare l’utente al suo destino, rimandalo ad una ThankYou Page e offrigli ulteriori prodotti/servizi a cui potrebbe essere interessato. Ormai hai ottenuto ciò che volevi, ma non è detto che il vostro rapporto non debba essere, invece, una cosa seria.

Landing Page utente

Nella Thank You Page inserisci anche i bottoni social: se l’utente è soddisfatto potrà decidere di condividere l’azione appena compiuta con i suoi amici e conoscenti.

10(+1). Parola d’ordine: testare, testare e ancora testare!

Una volta che hai creato con successo la tua Landing Page, tieni d’occhio i dati analitici. Se la tua pagina acquista traffico, ma i visitatori non si convertono, è il segnale che c’è bisogno di qualche cambiamento. Continua ad adattare la tua Landing Page e non aver paura di sperimentare. Realizzane due versioni, prova a modificare alcuni elementi per vedere quale avrà il tasso di conversione più alto (il cosiddetto A/B testing): spesso basta solo un piccolo dettaglio (un colore, una Call to Action, un’immagine diversa) per fare la differenza!

Ecco alcuni esempi di Landing Page ben fatte, dalle quali puoi prendere spunto

landing page esempio

pagina di atterraggio

come si crea una pagina di atterraggio

landing page che funzionano

2
  Articoli Correlati

Commenti

  1. Rinaldo  febbraio 3, 2014

    Complimenti Chiara, sei stata chiara ed esaustiva come una “landing page che spacca”!!!

    rispondere
    • Chiara  febbraio 3, 2014

      Grazie mille per i complimenti!

      rispondere

Aggiungi un commento