Redirect 301 e perdita di PageRank: Matt Cutts fa chiarezza

Inviato da:

Matt Cutts - Team Webspam Google

Il PageRank che viene passato da un pagina all’altra mediante un Redirect 301 è uguale a quello che si trasferisce con un normale link diretto. Sono queste le parole di Matt Cutts, direttore del team Webspam di Google, in un nuovo video pubblicato ieri su GoogleWebmastersHelp, Canale Ufficiale di Youtube dedicato ai Wemaster.

Il reindirizzamento 301, viene spesso utilizzato in ambiente SEO, quando si incontra la necessità di ottimizzare un sito web e di riscrivere l’architettura delle informazioni, aggiungendo nuove pagine o editando quelle esistenti. Questo, può comportare un cambiamento dell’URL, che in molti casi porta ad una penalizzazione da parte dei motori di ricerca per diversi fattori che vanno dai contenuti duplicati, alla perdita di link che portavano al sito web in questione. L’estrema utilità del Redirect 301 è quella di redirigere gli utenti senza perdere il posizionamento sui Motori di Ricerca che il vecchio indirizzo aveva accumulato nel corso del tempo.

Ma cos’è il Redirect 301? E’ un reindirizzamento “Moved Permanently” che consente di segnalare ai browser degli utenti e agli spiders dei Motori di Ricerca, che la pagina web è stata trasferita permanentemente da un url ad un altro indirizzo. Questo viene fatto intervenendo nel file .htaccess dove risiedono le istruzioni al WebService di Apache. Questa funzione, basandosi sul Response code 301, permette allo spider del motore di ricerca che visita il sito web, di sostituire il vecchio url presente nei suoi indici con quello nuovo. Non appena lo spider avrà individuato il redirect, il cambiamento nelle SERP è immediato, tuttavia per alcuni giorni si potrà verificare un periodo di assestamento che vedrà l’alternanza tra il vecchio e il nuovo link nei risultati di ricerca.

In questo video, Matt Cutts, risponde ad una delle tante domande avanzate dagli esperti SEO: “Qual’è la percentuale di PageRank che viene dispersa con un reindirizzamento 301?”. Contrariamente a quanto lo stesso affermava due anni prima, un redirect 301 non consentiva di passare tutto il valore di PageRank portando di conseguenza in molti casi la perdita di alcune punti percentuali, ora invece rivela che il valore del PageRank con questo metodo è identico a quello trasferito con un direct link e suggerisce ai webmaster di utilizzare la soluzione migliore per raggiungere i loro obiettivi.

Al di la delle conclusioni che si possono trarre da questo, per chi si presenta la necessità di modificare l’url di una pagina o l’intero dominio, il redirezionamento 301 rimane la soluzione più immediata per far apprendere ai motori di ricerca il nuovo indirizzo di un sito web.

Ecco il video completo dell’intervento di Matt Cutts, su quanto vi abbiamo appena parlato:

1
  Articoli Correlati
  • No related posts found.

Commenti

  1. Sandro  ottobre 30, 2013

    ok interessante, grazie

    rispondere

Aggiungi un commento