Come creare un Elenco di Parole Chiave Vincenti per la tua Strategia SEO

Inviato da:

Parole Chiave e Scarabeo: Quando il Gioco si fa Duro…

Quando ero piccola talvolta mi capitava di giocare a Scarabeo, avete presente? Quel gioco dove bisogna formare delle parole (possibilmente di senso compiuto) con un numero limitato di lettere pescate alla cieca da un sacchetto. Era un gioco terribilmente difficile: il tempo a disposizione era poco e le lettere non sembravano mai incastrarsi tra di loro.

Sotto alcuni punti di vista la scelta del Keyword Set per la tua strategia SEO si può paragonare ad una partita a scarabeo: ore passate a spremersi le meningi cercando di trovare la parola giusta, quella che ti possa permettere di guadagnare centinaia di punti in un colpo solo e vincere la partita.

Strategia SEO e Scarabeo

Tenete lontani i vostri figli da Scarabeo, rischiate che poi da grandi diventino dei SEO Specialist!

Insomma, sembra un’operazione abbastanza semplice ma, esattamente come nello Scarabeo, la definizione del keyword set può davvero trasformarsi in un’impresa. Però, prima di iniziare la nostra partita, facciamo un respiro profondo e andiamo a vedere quali sono le regole del gioco.

 

Come creare un Elenco di Parole Chiave: Le Regole del Gioco

La scelta delle parole chiave (e la loro successiva gerarchizzazione) rimane la scelta più importante da fare nella definizione della propria strategia SEO. Questo perché sono proprio loro a rendere i contenuti “rintracciabili” all’interno dell’immensa giungla che è Google.

 

Google e il SEO

Le parole chiave sono come le briciole di pane della favola di Hansel e Gretel: senza di loro gli utenti rischiano di perdere la strada!

Quando ci ritroviamo a dover scegliere le parole chiave con le quale andremo ad ottimizzare la nostra pagina sono essenzialmente 3 le cose che dobbiamo tenere in considerazione:

    1. La RILEVANZA delle keyword nel tuo settore.
    2. La CONCORRENZA, ovvero il numero di siti da superare su Google per arrivare in prima pagina.
    3. Il VOLUME DI RICERCA, ossia il numero di ricerche stimate al mese per le parole chiave da te scelte.

Facendo un esempio: siete un venditore di attrezzature per montagna e possiedo un e-commerce. Visto che si avvicinano le vacanze vi piacerebbe spingere la vendita delle tende da campeggio e quindi ottimizzare SEO la pagina a loro dedicata. Le prime cose che dovete chiedervi sono: “quali sono le parole che definiscono meglio il mio prodotto”, ” quanti altri siti ci sono che vendono attrezzature simili alle mie” e “quante persone cercano la parola “tende da campeggio” su Google”?

Le parole chiave, è bene sapere, non sono tutte uguali, ma si possono distinguere in due macro gruppi:

  • GENERICHE: Solitamente sono le più difficili per le quali posizionarsi, in quanto sono contraddistinte da una competitività elevata e, solitamente, non portano risultati così importanti da giustificare gli investimenti realizzati.
    Ad esempio, nel caso tu fossi ancora quel famoso venditore di attrezzatura da campeggio, potresti optare di utilizzare la parola chiave “tende”. Ovviamente esistono tantissimi siti che utilizzano quella stessa parola chiave in competizione con il tuo; inoltre ricorda che con questa keyword rischi di attirare anche persone fuori target, come chi vuole comprare tende per il salotto o che cercano un manuale per montarne una.

ricerca parole chiave su google

 

Tende da sole, da bagno, da salotto a da campeggio? Prima di iniziare meglio chiarirsi le idee!

  • SPECIFICHE: Si tratta di keyword composte da più parole, con volumi di traffico decisamente minori rispetto a quelle generiche, ma che portano sul sito un’utenza maggiormente profilata e, quindi, per noi più interessante. “Tende da campeggio a Milano”, “Tende da trekking economiche” avranno ovviamente volumi di traffico relativamente bassi, ma la concorrenza per arrivare in prima posizione su Google sarà decisamente minore e avremo la certezza che gli utenti che arriveranno sul nostro sito sono quelli davvero interessati al prodotto che vendiamo.

Allora, puntiamo su parole chiave generiche con alto volume di ricerca o parole più specifiche e, pertanto, meno cercate? Non esiste una risposta precisa e applicabile a tutte le situazioni, ci sono troppi fattori da prendere in considerazione (il settore di provenienza, gli obiettivi che si sono prefissati…). Bisogna sperimentare e, spesso, trovare dei compromessi tra volumi di traffico e complessità delle parole chiave. Insomma, un gioco di strategia in cui dobbiamo tenere presente non solo le parole che dobbiamo formare davanti a noi, ma anche quelle dei nostri avversari, esattamente come se stessimo facendo una partita a Scarabeo.

 

3 modi in cui Scarabeo può Aiutarti nella tua Strategia SEO

Vediamo allora quali possono essere le similitudini esistenti tra una partita a Scarabeo e la creazione di una strategia SEO efficace.

1. Prima di iniziare la partita guarda bene quello che hai sottomano.

Non buttarti a capofitto nella partita, ma rifletti e analizza la situazione. Devo vendere un prodotto o un servizio? Studia allora quali sono le sue caratteristiche più appetibili per i potenziali compratori. È molto più semplice ed efficace pensare ad una strategia SEO prima della realizzazione effettiva del sito piuttosto che dover poi rimetterci mano in un secondo tempo.

2. Studia la concorrenza e cerca di rubargli le parole da sotto il naso

Studia quello che i tuoi competitor hanno fatto per il proprio sito e agisci di conseguenza per mettergli i piedi tra le ruote. Esattamente come quando, a Scarabeo, finisci per “rubare” le lettere del tuo avversario per formare parole lunghe e vincenti.

La ricerca delle parole chiave può diventare una vera guerra

Affila le tue armi, questa sarà una guerra fino all’ultima lettera!

3. I colpi di genio non sono facili da avere, ma partita dopo partita vedrai che inizierai a prenderci mano

Esistono quelle partite dove un’unico, brillante colpo di genio basta a farti portare la vittoria a casa. Purtroppo non sempre le cose sono così facili, ma non c’è bisogno di disperare: infatti è possibile vincere anche realizzando nella partita una costante serie di punteggi non propriamente brillanti ma costanti nel tempo. L’importante nel SEO, come in tutte le cose, è acquisire esperienza, e vedrai che il meccanismo diventerà sempre più automatico e anche quei famosi colpi di genio inizieranno ad arrivare.

 

3 Strumenti (e un Consiglio) per la tua Ricerca di Parole Chiave Vincenti

Abbiamo visto che la scelta delle parole chiave non è certo una passeggiata: esattamente come in una partita a Scarabeo ci vuole strategia, concentrazione e anche qualche colpo di genio. Mentre nel gioco dello Scarabeo, però, non ci sono permessi aiuti né la possibilità di consultare un dizionario, quando ci ritroviamo a dover scegliere ed organizzare i nostri gruppi di parole chiave esistono diversi strumenti in grado di darci una mano. Ogni SEO Specialist ha infatti nella barra dei preferiti una lunga sedie di tool utili per il loro lavoro quotidiano. Ecco una mini selezione di strumenti da salvare e da avere sempre a portata di clic.

 

1. Google Adwords Keyword Tool

come trovare la parole chiave con googleadwords

Cos’è: Si tratta di uno dei più popolari strumenti gratuiti per la ricerca delle parole chiave a disposizione dei clienti Google Adwords. Pensato principalmente per chi realizza campagne di Web Advertising, Google Adwords offre informazioni utili anche per il SEO, quali ad esempio i dati relativi al volume di ricerca mensile associato alle keyword.

Semplicità di utilizzo: In generale si tratta di uno strumento complesso, per il cui utilizzo bisogna studiare parecchio. Però, se intendete utilizzarlo unicamente per avere qualche suggerimento da inserire nel vostro gruppo di parole chiave, allora bastano due minuti.

A cosa serve: Utile per selezionare quali parole chiave andare ad includere o escludere nel proprio sito a seconda dei volumi di traffico (esportabili anche in una tabella excel).

 

2. Ubersuggest

come cercare il keyword set con uburgest

 

Cos’è: tool che ti permette di ottenere tantissime idee per il tuo Keyword Set. È possibile specificare la lingua e anche decidere se effettuare la ricerca su Google Search, Google video, Google Immagini, Google News Google Shopping o Google Ricette. Non c’è bisogno di scaricare nulla, basta accedere a questo sito.

Semplicità di utilizzo: si tratta di uno strumento intuitivo e semplice da utilizzare, ideale per chi è ancora alle prime armi.

A cosa serve: utile per comprendere meglio il nostro target e trovare nuovi spunti dai quali partire.

 

3. SEO Quake

come trovare le parole chiave con seoquake

Cos’è: si tratta di uno strumento completo che ti permetterà di visualizzare un gran numero di parametri SEO in pochi clic. Una volta installato potrai controllare le parole chiave della pagina che ti interessa e la loro densità, oltre ad avere altre utili informazioni relative alla popolarità del sito nei motori di ricerca e al suo livello di ottimizzazione.

Semplicità di utilizzo: abbastanza semplice, anche se ci si mette un po’ a provare tutte le sue funzionalità. Una volta installato basta andare sulla pagina che vi interessa, fare clic destro col mouse e il gioco è fatto.

A cosa serve: a realizzare un’analisi preliminare, un tool pressoché indispensabile ai fini della tua attività di keyword selection.

 

E, soprattutto, non dimenticarti di chiedere alla Nonna

Per la scelta delle tue parole chiave chiedi alla nonna

La nonna è sempre la nonna!

Certo, i tool sono utili, ma ciò non toglie che talvolta sono le nonne quelle che possono darvi l’aiuto decisivo, come quando non sapete che cosa va messo nel ragù o non riuscitei proprio a togliere quella brutta macchia di caffè dal vostro golfino preferito.

Insomma, non fate tutto da soli, ma chiedete consiglio ai genitori, agli amici, a persone incontrate per caso in metro, non importa a chi. La cosa davvero importante è ricordarsi che sì, i tool aiutano, ma la vostra testa rimane comunque lo strumento più importante che avete, quello che vi può permettere di fare la differenza… e quindi non dimenticatevi di usarla!

 

Sei interessato a sapere di più sul SEO e sul come creare un elenco efficace di parole chiave per il tuo business o la tua carriera? Dai un occhiata al nuovo Corso SEO e SEM (Adwords) di Endivia Academy, scopri il programma completo!

 

1
  Articoli Correlati
  • No related posts found.

Commenti

Aggiungi un commento